Home Biografia Spiritualità Preghiere Eventi Immagini Contatti

 

Welcome – Willkommen – Bienvenidos – Bienvenue

 

Benvenuti nel sito web dedicato al venerabile Domenico Blasucci,

nato a Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, il 5 marzo 1732,

Diocesi di Melfi–Rapolla–Venosa – Regione Basilicata–Italia,

morto a Materdomini di Caposele, in provincia di Avellino, il 2 novembre 1752,

Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi–Conza–Nusco–Bisaccia – Regione Campania–Italia, 

proclamato Venerabile dal papa san Pio X con Decreto del 23 maggio 1906,

figlio spirituale di sant’Alfonso Maria De Liguori,

il Santo Fondatore della Congregazione del SS. Redentore, Vescovo,

Dottore della Chiesa, Patrono dei Confessori e dei Moralisti.

 

L’intento di queste pagine, che non hanno il fine di lucro,

è quello di far conoscere ed amare la vita, le opere, la spiritualità e le virtù cristiane

del giovane missionario redentorista,

con l’auspicio di preservare il suo ricordo ed offrire un tributo d’onore alla sua eroica santità.

 

Buona visione, lettura, ascolto e preghiera.

 

 

c dc d

 

 

Liturgia del giorno

Secondo il Rito Romano della Santa Chiesa Cattolica

 

«Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione,

nello spezzare il pane e nelle preghiere» (At 2,42).

 

Martedì 28 giugno 2022

Grado della celebrazione: Memoria di Sant’Ireneo

Colore liturgico: rosso

 

Antifona d’ingresso

Un insegnamento veritiero era sulla sua bocca né c’era falsità sulle sue labbra; con pace e rettitudine davanti a me ha camminato e molti ha fatto allontanare dal male. (Ml 2,6)

 

Colletta

O Dio, che al santo vescovo Ireneo hai dato la grazia di confermare la tua Chiesa nella verità e nella pace, fa’ che per sua intercessione, rinnovati nella fede e nell’amore, cerchiamo sempre ciò che promuove l’unità e la concordia.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

 

Prima lettura

Am 3,1-8;4,11-12 Il Signore Dio ha parlato:chi non profeterà?

 

Dal libro del profeta Amos

 

Ascoltate questa parola, che il Signore ha detto riguardo a voi, figli d’Israele, e riguardo a tutta la stirpe che ho fatto salire dall’Egitto: «Soltanto voi ho conosciuto tra tutte le stirpi della terra; perciò io vi farò scontare tutte le vostre colpe. Camminano forse due uomini insieme, senza essersi messi d’accordo? Ruggisce forse il leone nella foresta, se non ha qualche preda? Il leoncello manda un grido dalla sua tana, se non ha preso nulla? Si precipita forse un uccello a terra in una trappola, senza che vi sia un’esca? Scatta forse la trappola dal suolo, se non ha preso qualche cosa? Risuona forse il corno nella città, senza che il popolo si metta in allarme? Avviene forse nella città una sventura, che non sia causata dal Signore? In verità, il Signore non fa cosa alcuna senza aver rivelato il suo piano ai suoi servitori, i profeti. Ruggisce il leone: chi non tremerà? Il Signore Dio ha parlato: chi non profeterà? Vi ho travolti come Dio aveva travolto Sòdoma e Gomorra, eravate come un tizzone strappato da un incendio; ma non siete ritornati a me». Oracolo del Signore. Perciò ti tratterò così, Israele! Poiché questo devo fare di te: prepàrati all’incontro con il tuo Dio, o Israele!

 

Parola di Dio

 

Salmo responsoriale

Dal Salmo 5

 

R.: Guidami, Signore, nella tua giustizia.

 

Tu non sei un Dio che gode del male,
non è tuo ospite il malvagio;
gli stolti non resistono al tuo sguardo. R.

Tu hai in odio tutti i malfattori,
tu distruggi chi dice menzogne.
Sanguinari e ingannatori, il Signore li detesta. R.

Io, invece, per il tuo grande amore,
entro nella tua casa;
mi prostro verso il tuo tempio santo
nel tuo timore. R.

 

Acclamazione al Vangelo

(Sal 129,5)

Alleluia, alleluia.

Io spero, Signore. Spera l’anima mia, attendo la sua parola.

Alleluia.

 

Vangelo

Mt 8,23-27 Si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia.

 

+ Dal Vangelo secondo Matteo

 

In quel tempo, salito Gesù sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, avvenne nel mare un grande sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva. Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia. Tutti, pieni di stupore, dicevano: «Chi è mai costui, che perfino i venti e il mare gli obbediscono?».

 

Parola del Signore

 

Preghiera dei fedeli

Secondo le intenzioni del Papa, dei Vescovi, dei Presbiteri e dei Diaconi.

Secondo i bisogni dell’umanità.

Secondo le proprie intenzioni.

 

Preghiera sulle offerte

Il sacrificio che ti offriamo, o Signore, nel gioioso ricordo della nascita al cielo di sant’Ireneo, glorifichi il tuo nome e ci ispiri l’amore alla verità, perché custodiamo intatta la fede e salda l’unità della Chiesa.

Per Cristo nostro Signore.

 

Antifona alla comunione

«Rimanete in me e io in voi», dice il Signore. «Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto». (Gv 15,4-5)

 

Comunione spirituale

1 Gesù mio, io credo che sei realmente presente nel Santissimo Sacramento. Ti amo sopra ogni cosa e ti desidero nell’anima mia. Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente nel mio cuore. Come già venuto, io ti abbraccio e tutto mi unisco a te; non permettere che mi abbia mai a separare da te.

2 Eterno Padre, io ti offro il Sangue Preziosissimo di Gesù Cristo in sconto dei miei peccati, in suffragio delle anime del purgatorio e per i bisogni della Santa Chiesa. *

 

Preghiera dopo la comunione

La partecipazione a questi santi misteri, o Padre, accresca in noi la fede che sant'Ireneo testimoniò fino alla morte, perché diventiamo anche noi veri discepoli di Cristo tuo Figlio.

Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

 

 

Grado della celebrazione: Solennità dei Santi Pietro e Paolo Apostoli

Colore liturgico: rosso

 

Messa nella Vigilia

 

Antifona d’ingresso

Pietro, apostolo, e Paolo, dottore delle genti, hanno insegnato a noi la tua legge, Signore.


Si prega con il Gloria.

 

Colletta

Signore Dio nostro, che nella predicazione dei santi apostoli Pietro e Paolo hai dato alla Chiesa le primizie della fede cristiana, per loro intercessione vieni in nostro aiuto e guidaci nel cammino della salvezza eterna.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

 

Prima lettura

At 3,1-10 Quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, àlzati e cammina!

 

Dagli Atti degli Apostoli

 

In quei giorni, Pietro e Giovanni salivano al tempio per la preghiera delle tre del pomeriggio. Qui di solito veniva portato un uomo, storpio fin dalla nascita; lo ponevano ogni giorno presso la porta del tempio detta Bella, per chiedere l’elemosina a coloro che entravano nel tempio. Costui, vedendo Pietro e Giovanni che stavano per entrare nel tempio, li pregava per avere un’elemosina. Allora, fissando lo sguardo su di lui, Pietro insieme a Giovanni disse: «Guarda verso di noi». Ed egli si volse a guardarli, sperando di ricevere da loro qualche cosa. Pietro gli disse: «Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, àlzati e cammina!». Lo prese per la mano destra e lo sollevò. Di colpo i suoi piedi e le caviglie si rinvigorirono e, balzato in piedi, si mise a camminare; ed entrò con loro nel tempio camminando, saltando e lodando Dio. Tutto il popolo lo vide camminare e lodare Dio e riconoscevano che era colui che sedeva a chiedere l’elemosina alla porta Bella del tempio, e furono ricolmi di meraviglia e stupore per quello che gli era accaduto.

 

Parola di Dio

 

Salmo responsoriale

Dal Salmo 18

 

R.: Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio.

 

I cieli narrano la gloria di Dio,
l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.
Il giorno al giorno ne affida il racconto
e la notte alla notte ne trasmette notizia. R.

Senza linguaggio, senza parole,
senza che si oda la loro voce,
per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
e ai confini del mondo il loro messaggio. R.

 

Seconda lettura

Gal 1,11-20 Dio mi scelse fin dal seno di mia madre.

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

 

Fratelli, vi dichiaro che il Vangelo da me annunciato non segue un modello umano; infatti io non l’ho ricevuto né l’ho imparato da uomini, ma per rivelazione di Gesù Cristo. Voi avete certamente sentito parlare della mia condotta di un tempo nel giudaismo: perseguitavo ferocemente la Chiesa di Dio e la devastavo, superando nel giudaismo la maggior parte dei miei coetanei e connazionali, accanito com’ero nel sostenere le tradizioni dei padri. Ma quando Dio, che mi scelse fin dal seno di mia madre e mi chiamò con la sua grazia, si compiacque di rivelare in me il Figlio suo perché lo annunciassi in mezzo alle genti, subito, senza chiedere consiglio a nessuno, senza andare a Gerusalemme da coloro che erano apostoli prima di me, mi recai in Arabia e poi ritornai a Damasco. In seguito, tre anni dopo, salii a Gerusalemme per andare a conoscere Cefa e rimasi presso di lui quindici giorni; degli apostoli non vidi nessun altro, se non Giacomo, il fratello del Signore. In ciò che vi scrivo – lo dico davanti a Dio – non mentisco.

 

Parola di Dio

 

Acclamazione al Vangelo

(Gv 21,17)

Alleluia, alleluia.

Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene.

Alleluia.

 

Vangelo

Gv 21,15-19 Pasci i miei agnelli, pasci le mie pecore.

 

+ Dal Vangelo secondo Giovanni


[Dopo che si fu manifestato risorto ai suoi discepoli,] quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

 

Parola del Signore

 

Preghiera dei fedeli

Secondo le intenzioni del Papa, dei Vescovi, dei Presbiteri e dei Diaconi.

Secondo i bisogni dell’umanità.

Secondo le proprie intenzioni.

 

Preghiera sulle offerte

Deponiamo i nostri doni sul tuo altare, o Signore, celebrando con gioia la solennità dei santi apostoli Pietro e Paolo e, se temiamo per la povertà dei nostri meriti, fa’ che ci rallegriamo per la grandezza della tua misericordia.

Per Cristo nostro Signore.

 

PREFAZIO

La duplice missione di Pietro e di Paolo nella Chiesa

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Oggi ci dai la gioia di celebrare i due santi apostoli: Pietro, che per primo confessò la fede nel Cristo, Paolo, che illuminò le profondità del mistero; il pescatore di Galilea, che costituì la Chiesa delle origini con i giusti d’Israele, il maestro e dottore, che annunciò la salvezza a tutte le genti. In modi diversi hanno radunato l’unica famiglia di Cristo e, associati nella venerazione del popolo cristiano, condividono la stessa corona di gloria. E noi, insieme agli angeli e ai santi, cantiamo senza fine l’inno della tua gloria: Santo, ...

 

Antifona alla comunione

«Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». (Gv 21,15.17)

 

Comunione spirituale

1 Gesù mio, io credo che sei realmente presente nel Santissimo Sacramento. Ti amo sopra ogni cosa e ti desidero nell’anima mia. Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente nel mio cuore. Come già venuto, io ti abbraccio e tutto mi unisco a te; non permettere che mi abbia mai a separare da te.

2 Eterno Padre, io ti offro il Sangue Preziosissimo di Gesù Cristo in sconto dei miei peccati, in suffragio delle anime del purgatorio e per i bisogni della Santa Chiesa. *

 

Preghiera dopo la comunione

Con la forza di questi divini sacramenti sostieni, o Signore, i tuoi fedeli, che hai illuminato con la dottrina degli apostoli.

Per Cristo nostro Signore.


(Si può utilizzare la formula della benedizione solenne)

 

Dio onnipotente, che ha fondato la Chiesa sulla fede dell’apostolo Pietro, vi renda saldi nell’adesione a Cristo e vi colmi della sua benedizione.

R.: Amen.

 

Dio, che ci ha illuminato con la predicazione di san Paolo, vi insegni con l’esempio dell’apostolo a condurre a Cristo i fratelli.

R.: Amen.

 

Pietro con il potere delle chiavi, Paolo con la sua parola intercedano per noi e ci accompagnino a quella patria che essi hanno raggiunto con il martirio della croce e della spada.

R.: Amen.

 

E la benedizione di Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo, discenda su di voi e con voi rimanga sempre.

R.: Amen.

 

* 1 La prima parte di questa preghiera è stata scritta da sant’Alfonso Maria De Liguori, 2 mentre la seconda parte, non originale, è stata aggiunta in seguito, rispettando lo spirito del Santo. È lo stesso spirito che ha animato anche il venerabile Domenico Blasucci. Il giovane Venerabile, costantemente, desiderava placare il suo anelito damore verso il Signore: «Lanima mia ha sete di Dio, del Dio vivente» (Sal 42,3). Si sforzava di conformarsi a Gesù Cristo accogliendo il Suo invito «Rimanete in me e io in voi» (Gv 15,4) per unirsi a Lui in «un solo spirito» (Ef 4,4). A chiunque gli domandasse a cosa stesse pensando o perché stesse piangendo, spesso, ripeteva: “Penso al SS. Sacramento… Piango perché penso che ora il SS. Sacramento in tanti luoghi sta solo e senza la lampada”.

______________________

Fonte, eccetto che per la Preghiera dei Fedeli e la Comunione Spirituale

 

Sitografia

 

Chiesa Cattolica Italiana – Sito web ufficiale della CEI Conferenza Episcopale Italiana

Via Circonvallazione Aurelia, n. 50 00165 Roma

 

Visualizza il Commento al Vangelo a cura di don Antonio Savone

Presbitero dell’Arcidiocesi di Potenza–Muro Lucano–Marsico Nuovo

 

 

c dc d

 

 

PARROCCHIA SANTA MARIA ASSUNTA
Ruvo del Monte (Potenza)

 

Eucaristia e  Domenico Blasucci

 

            La pubblicazione della Liturgia  del giorno sul Sito web dedicato al Venerabile Domenico Blasucci costituisce un valido strumento al fine di ricordare la spiritualità eucaristica del giovane studente incamminato per la vita religiosa e sacerdotale.

Dono della gratuità di Dio nell’ordine della natura e nell’ordine soprannaturale, Domenico Blasucci ha progressivamente corrisposto alla grazia di Dio.

Nella spiritualità del Venerabile troviamo, infatti, la ricerca continua di comunione, di vita vissuta con il Redentore, conosciuto ed amato nella famiglia d’origine, nella comunità di Ruvo, nella conoscenza dei numerosi sacerdoti e religiosi presenti nella parrocchia, nel Convento o qui  venuti per la predicazione e le missioni frequenti nel settecento.

            Fu educato da fanciullo nella famiglia alla vita religiosa, adolescente ascoltò dapprima i francescani, poi i Missionari di San Vincenzo De Paoli. Da giovane fece l’itinerario di formazione e di fede per le quattro comunità redentoriste allora esistenti, in cui addivenne alla Professione religiosa.

            Deciso e tenace nell’impegno di formazione spirituale, raggiunse livelli di crescita certamente non comuni, cogliendo ciò che vale, l’amore di Dio, portato sempre più in alto nella fedeltà alla preghiera, specialmente quella eucaristica.

            Dall’Eucaristia, in particolare, gli venne la forza di praticare la virtù dell’umiltà, il dominio di sé, il distacco da tutto il creato, il raccoglimento di spirito teso all’unione con Dio, la carità verso il prossimo, l’obbedienza, la mortificazione interna ed esterna, la mortificazione e la temperanza, la modestia e la purezza.

            Tutto ciò è documentato nelle testimonianze del suo tempo e nel Sommario dei processi.

            Si tramanda, in particolare, del tempo trascorso nel coro, vicino al tabernacolo, della tante visite al SS. Sacramento: l’Eucaristia rappresenta il cuore della vita del Venerabile.

La lettura quotidiana della Liturgia del giorno, accompagnata dal silenzio, dalla meditazione e dalla preghiera, sia per ciascuno il buon nutrimento dell’anima, come lo fu per il venerabile Domenico Blasucci.

L’esempio della sua vita infondi in noi la forza della fede e dell’amore e la sua intercessione presso Dio ci preservi dalle avversità, ci accompagni e ci protegga nel nostro cammino quotidiano.

 

Ruvo del Monte, 24 novembre 2013

Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo e chiusura dell’Anno della Fede

 

Il Parroco

Sac. don Gerardo Gugliotta

 

Visualizza il Documento originale in formato pdf

 

 

Il venerabile Domenico Blasucci

raffigurato in una delle sue frequenti adorazioni del Santissimo Sacramento.

Limmagine è affrescata nella volta a botte

della Chiesa monumentale di SantAlfonso e SantAntonio a Tarsia a Napoli,

già Chiesa dello Spirito Santo,

edificata nel 1550 nellomonima piazzetta del centro storico cittadino.

 

 

c dc d

 

 

PARROCCHIA SANTA MARIA ASSUNTA
Ruvo del Monte (Potenza)

 

Omelia per la Solennità dell’Ascensione

e per la Solenne Memoria della Proclamazione a “Venerabile” di Domenico Blasucci

Ruvo del Monte – Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Sabato 23 maggio 2020 – ore 18:00

 

Celebriamo la Solennità dell’Ascensione. Cristo, dinanzi ai discepoli, ascende al cielo per ritornare dal Padre. Con l’Ascensione inizia la missione evangelizzatrice e di salvezza degli uomini di tutti i tempi secondo l’invito di Gesù: “Andate e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato”. È sempre Gesù che ci rassicura della forza dello Spirito Santo e della Sua costante presenza accanto a noi come ci ha ricordato Matteo nel Vangelo di questa Messa Vespertina: “io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Il vero insegnamento lo si dà nella misura in cui si crede e si vive in prima persona ciò che si vuole annunciare agli altri, attraverso la testimonianza. Ecco allora che appare ancora più bella e intensa anche la celebrazione della Solenne Memoria della Proclamazione a “Venerabile” del nostro concittadino Domenico Blasucci, avvenuta con Decreto di Papa Pio X oggi Santo, che per il decimo anno consecutivo è stata adeguatamente preparata dal Triduo di preghiere e riflessioni nei giorni 20, 21 e 22 maggio scorsi.

Abbiamo tutti temuto che quest’anno tali ricorrenze non potessero essere celebrate pubblicamente in questa nostra Chiesa Parrocchiale, luogo in cui il Venerabile ha ricevuto il Battesimo ed ha iniziato la sua vita cristiana, a causa delle disposizioni Vescovili e Governative per il contrasto ed il contenimento del diffondersi del Covid–19. Avrei comunque assicurato, da solo, le liturgie di sempre, ma non per questo meno intense: Lodi mattutine, Preghiera del Santo Rosario e delle Litanie Lauretane, Celebrazione Eucaristica, Preghiera per la glorificazione, benedizione ed inno. Pur trovandomi da solo, mi sarei sentito circondato dalla partecipazione numerosa di voi fedeli, vicini e lontani, che come sempre avreste seguito la Liturgia del Giorno e quella del Triduo, con l’apposito sussidio, servendovi del ricco sito web www.domenicoblasucci.it dedicato al Venerabile. L’inattesa emergenza sanitaria mondiale ci ha imposto misure di restrizione prima e precauzionali dopo per tutelare la salute di tutti come potete vedere e, così, in base alla capienza dei posti a sedere nella Chiesa, nel rispetto delle distanze di sicurezza e senza creare assembramenti, siamo felicemente qui.

Celebrare con amore e devozione il nostro Venerabile Domenico Blasucci non significa soltanto onorarlo, ma significa anche guardare alla sua ricca e preziosa testimonianza di vita cristiana, alle sue alte virtù. Significa accogliere il suo meraviglioso messaggio, custodirlo e renderlo attuale nella nostra vita, rendendo viva la sua memoria e la sua presenza. La vita di Domenico, favorita da magnifiche grazie, segni dell’amore di Dio che radica la nostra vita nel mistero della salvezza, è stata tutta “un canto nuovo al Signore”, un canto di lode e di ringraziamento.

Dopo qualche mese dalla nascita rischia di morire, ma miracolosamente il neonato si salva. Da bambino, a tre anni, rimase orfano di padre e fu educato dalla madre. Nei giochi di quartiere, fuggiva dai compagni cattivi. Sin dalla prima infanzia, è stato attratto dai luoghi di culto. Amava disegnare l’Ostia, modellare le statue dei Santi, preparare gli altarini ed imitare i riti religiosi, coinvolgendo i suoi amichetti con cui era tanto generoso. Tutti ne restavano stupefatti: vicini, amici e parenti che accorrevano ad osservarlo ammirati. Da fanciullo, non con pochi sacrifici, si prodigava con zelo nel lavoro agricolo e compiva gli studi, insieme a due fratelli e a due cugini, distinguendosi per intelligenza e profitto. A queste mansioni alterna austere penitenze e fervide preghiere. Sempre composto ed ordinato, serviva la Messa tutte le mattine. Si raccoglieva a lungo in preghiera davanti al tabernacolo per adorare il SS. Sacramento e davanti la statua della Madonna che, con tenera devozione, venerava intensamente; la statua è quella dell’Immacolata, in legno, che abbiamo in questa Chiesa nella nicchia in prossimità del presbiterio e che era alla Chiesa del convento. Praticava costantemente la confessione e la comunione. Leggeva sempre i libri spirituali. Ascoltava con molta attenzione le omelie dei tanti sacerdoti e religiosi presenti a Ruvo in quel tempo e di quelli che vi giungevano per le predicazioni. Era solito frequentare la Chiesa di Sant’Antonio, amministrata dai francescani. All’età di quindici anni desiderava ardentemente abbracciare il mondo religioso entrando nei conventuali minori, ma non gli fu possibile a causa dell’opposizione della sua famiglia. La stessa cosa accadde l’anno successivo con i padri vincenziani: non disponeva di denaro sufficiente da offrire in dote per la propria formazione e doveva contribuire a produrre il reddito per i congiunti. Anche quando intendeva seguire i padri della Congregazione del SS. Redentore dovette affrontare le stesse difficoltà, ma “il suo cuore non fu mai turbato perché era stretto a Cristo, pietra viva!”. La sconfinata fiducia nella Divina Provvidenza e nella Vergine Immacolata ripagarono la sua determinazione e la sua fermezza all’età di sedici anni e mezzo. La “sua partenza da Ruvo fu come un grave lutto per la famiglia” e come una possente privazione per l’intera comunità. È stata però come “la manna dal cielo” per i redentoristi dove, con tanta modestia e umiltà, rispettò rigorosamente la regola e l’obbedienza ai superiori nei quali ravvisava la volontà di Dio. Instaurò degli ottimi ed armoniosi rapporti di condivisione e di cooperazione con i compagni di studio e frequentò con mansuetudine, perseveranza e temperanza il noviziato, conformandosi progressivamente a Gesù Cristo povero e crocifisso e al Suo Vangelo, raggiungendo una perfezione non comune. Riguardo a questo periodo, di lui fu scritto che “fu come sole fra le stelle, eclissò tutti”, nonostante un terribile male stesse minando il suo già gracile fisico. Dopo aver fatto la professione dei voti, si formava per il sacerdozio e si recava in missione con i padri, dove svolgeva con singolare sinergia le commissioni domestiche e insegnava il catechismo ai bambini. Come “sentinella di speranza e di carità misericordiosa”, era sempre disponibile all’accoglienza, all’ascolto, al confronto e all’aiuto di tutti, specialmente dei sofferenti nel corpo, nell’anima e nello spirito, riconoscendo nel volto di questi ultimi quello del suo amatissimo Signore. Consapevole dei propri limiti, non esitò a “gettare le reti” confidando, come Pietro, “sulla parola di Cristo”; ottenne riconciliazioni e vocazioni, come quella del fratello maggiore Pietro Paolo che gli fece affermare “Ora muoio contento”, contribuendo ad edificare il corpo mistico di Cristo che è la Chiesa. Questi suoi diversi ruoli erano sempre scanditi dalla preghiera, dalla contemplazione e dalla mortificazione, totalmente immerso in Dio. Furono tanti i suoi contemporanei che attestarono: “Tutta la vita del Venerabile Domenico Blasucci fu una continua orazione e comunicazione con Dio, anzi una continua estasi”. Fu definito “un ragazzo colmo di Spirito Santo e di carismi e un timorato di Dio”. Di quest’ultimo periodo della sua breve ed intensa vita, terminata a poco più di venti anni e mezzo, colpisce l’assoluta serenità con cui affrontava le atroci sofferenze della tisi, che lo condurrà alla “morte preziosa dei giusti”, dopo “aver combattuto la buona battaglia”, perché accettò serenamente i suoi patimenti e li offrì al Signore per la redenzione umana e per il bene della Chiesa. Aveva scritto su un biglietto posto sul suo comodino accanto al suo letto: “Volontà di Dio! Dio mio, fatemi adempiere in tutto la Vostra Volontà!”.

La fama di santità che l’ha accompagnato per tutta la vita, che è cresciuta e che si è diffusa ancora di più dopo la sua morte è giunta fino ai nostri giorni, dopo oltre due secoli e mezzo, impreziosita da innumerevoli prodigi. Il suo ultimo superiore e direttore spirituale, che di lui vivente aveva detto che era una “gioia di Paradiso”, ebbe a scrivere dopo la morte che “era un santo che potevasi vivo canonizzare, come l’ho asserito io più volte”, giudizio unanimamente condiviso dai suoi conoscenti e confratelli. In tutte le case e chiese redentoriste sparse nel mondo sono diffuse diverse sue immagini simili alla tela che abbiamo in fondo a questa Chiesa, che raccoglie le preghiere di tanti devoti e le offerte di piante, fiori e lumini, e sono diverse le intitolazioni a lui dedicate di gruppi e di luoghi. La vicenda terrena del Blasucci è una bella storia di speranza certa, di carità perfetta, di lotta ferma e di gloriosa vittoria per le tante prove della vita che ha affrontato e che hanno trovato “vanto solo nella croce di nostro Signore Gesù Cristo, che ha rivelato le cose del Padre ai piccoli”. È una storia di grazia, offerta per il suo Creatore e Signore e per il suo prossimo, avendo dedicato a loro la mente, il cuore, la pazienza e la sofferenza. È la storia dell’incontro dell’uomo con Cristo. Il nostro Venerabile appartiene alla storia dell’umanità e alla storia della Chiesa, perché costituisce un esempio retto ed un modello luminoso di adesione e fedeltà perfetta a Dio e ai Suoi più nobili valori. Accostiamoci sempre di più a questa straordinaria figura di santità. Riscopriamo il Venerabile sia come fulgido modello che come benevole mediatore di grazie, di miracoli, presso Dio, confidando sempre nella sua prodigiosa protezione.

Nella settimana in cui, dopo oltre due mesi, con tanta gioia abbiamo ripreso gradualmente le celebrazioni liturgiche con il popolo, secondo le nuove misure sanitarie indicate dal Protocollo d’intesa tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Conferenza Episcopale Italiana, questa ricorrenza che stiamo celebrando è un bellissimo segno di speranza e di rinascita per tutti noi. Il nostro “Giovane angelico”, per usare la definizione di papa Pio X del 23 maggio 1906, ci insegna che la lealtà al Signore premia sempre e dona tanta forza e serenità nelle prove della vita: “Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà”. Il Venerabile Domenico Blasucci interceda sempre amorevolmente per noi suoi concittadini perché, nel nostro tempo di prova, possiamo essere testimoni coraggiosi di Cristo e con la nostra fede operosa rendere una rinnovata bellezza alla vita, colma di gioia e di speranza, doni del Signore Risorto agli uomini di buona volontà.

 

Il Parroco

Sac. don Gerardo Gugliotta

 

Visualizza il Documento originale in formato pdf

 

 

c dc d

 

 

2 novembre

 

VENERABILE DOMENICO BLASUCCI (1732 – 1752)*

redentorista

 

Il nostro Venerabile Domenico è uno dei “piccoli”

in cui il Signore nostro Gesù Cristo, Redentore dell’uomo,

ha fatto risplendere la potenza della sua redenzione

e la bellezza della sapienza del suo Cuore.

+ Ciro Fanelli, vescovo

 

Venerabile Domenico Blasucci e San Gerardo Maiella:

storia d’amicizia fondata nel sostegno reciproco,

arricchita di profumata benignità e dolcezza.

Michele Donato Grieco

 

Da un Monte che tocca il cielo e specchia Maria1,

per scoscese rupi, erbe e fiori dal profumo inebriante,

un picciol rivo2, gioioso, saltellante,

 

– scatto di cielo fresco e puro sì che, a vederlo, canta il cuore,

fra òntani dalle mani oranti,

acqua viva che placa la sete, lenimento di ferite,

 

acqua che muta la terra in Paradiso –

scorre cantando l’inno al nipios3

che, dalla rupe4, lieto risponde.

 

E Gesù Bambino scende dalle stelle5,

il Giglio dell’Appennino, il serafico dardo di fortezza,

colui che balzò nelle braccia di Dio6,

 

diventa tuo fratello, profumo dell’anima:

tu e lui: angeli della vita, christodouli7,

luce ingenita8 ed enipostatica.

 

Insieme vi consegnaste alla Madre di Dio9,

creature scese dal cielo e in ciel tornate,

gigli sbocciati nelle mani della Vergine.

 

Il cuore balza lodandovi, o Santi,

l’amicizia profuma, gli occhi dolciscono,

l’anima insoavisce, l’amore si fa verità.

 

La vita fiorisce dall’incontro, consegna di sè all’altro,

grazia d’usignolo che canta,

incontro che fa gemmare la gioia,

 

rosa sempiterna di bellezza,

felicità del camminare in due, mano nella mano,

liturgia di spazio e di tempo, eternità.

 

Gioisci, Ruvo, un bel figlio ti è dato,

custodiscilo e amalo,

perché riamato ne sei, con fresco giovanile amore.

 

Esulta, Redentore Divino, SS. Trinità, unico Dio!

Laetare, plena gratia, Maria, ave,

sic ad terram caelum iungitur. Alleluia!

 

 

 

*      A Michele Donato Grieco, figlio prediletto del Venerabile, suo custode, operatore pastorale.

1          Monte Caruso (m. 1232), vicino al Monte Carmine, antico luogo lucano di culto mariano, distante pochi chilometri da Castel Lagopesole (PZ).

2          È la Fiumara di Atella (Km. 12) che sorge da Monte Caruso (nome derivante da un asinello di nome caruso), scende nella Valle di Vitalba – esaltata da Giustino Fortunato – e, presso Atella, confluisce nell’Ofanto. Ricco di pesci dai nomi sonori – lontre, carpe, pesce persico, tinche, triotti, trote, cavedani, barbi, anguille novelle – l’Ofanto, l’antico Aufidus – cantato da Polibio, Strabone, Publio Virgilio Morone, Orazio (“Così irrompe l’Ofanto tauriforme”, Libro IV), nato nell’antica Venusia, presso cui scorre l’Ofanto – sfocia nel Mare Adriatico tra Barletta e Margherita di Savoia, arricchito dall’Olivento che nasce dal Monte Vulture.

3          Venerabile Domenico Blasucci. Nipios: giovane, infante.

4          Ruvo del Monte.

5          Il riferimento è a Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, redentorista, e al suo celebre inno «Tu scendi dalle stelle».

6          San Gerardo Maiella. Si racconta che, da bambino, saltò dalla finestra della sua abitazione dicendo alla madre: «Vado a farmi santo».

7          Servi di Cristo.

8          Innata.

9          Il Venerabile Domenico Blasucci e San Gerardo Maiella, grandi amici nella vita, sono sepolti entrambi nella Basilica di San Gerardo Maiella in Mater Domini di Caposele (AV).

 

Additamenta

L’inno è composto da 33 versi in memoria di Gesù Cristo Redentore;

in terzine, a lode della SS. Trinità.

L’ultima terzina è dedicata a Maria, Madre di Dio.

 

Come melitoto poggiato sulle labbra. 

Dai Santi Angeli custodi, all’aurora.

2 ottobre 2020. In Eremo.

 

______________________

Fonte

 

Bibliografia

 

Cristina di Lagopesole *

Flos Sanctorum

Peregrinatio per Annum

Volume II

Polistampa di Firenze per conto delle Edizioni Feeria, Comunità di  San Leolino, Firenze, 25 dicembre 2021

Pag. 357, 358 e 359.

 

* Poeta sacro, innografa, omileta, scrittrice di Filotee, esegeta ed ermeneuta delle Sacre Scritture e saggista.

 

 

 

c dc d

 

 

Le immagini fotografiche sono state realizzate da Michele Donato Grieco nell’antica Basilica di san Gerardo Maiella, a Materdomini di Caposele, nel corso dell’annuale pellegrinaggio che la comunità parrocchiale di Ruvo del Monte compie ogni terza domenica del mese d’ottobre, per la venerazione e la preghiera dinanzi la tomba del Santo patrono della Basilicata, delle mamme e dei bambini e quella del nostro concittadino venerabile Domenico Blasucci.

 

 

 

Domenica 23 ottobre 2011

Devoti del venerabile Domenico Blasucci in raccoglimento e preghiera dinanzi la sua tomba.

 

 

Il venerabile Domenico Blasucci lascia nel cuore di chi prega dinanzi la sua tomba

un grande seme di speranza e la certezza che, confidando in Dio, non si rimarrà mai delusi,

perché come scrive san Paolo apostolo, in una sua lettera,

«Tutto posso in colui che mi da la forza» (Fil 4,13).

 

 

 

Domenica 21 ottobre 2012

Devote del venerabile Domenico Blasucci in raccoglimento e preghiera dinanzi la sua tomba.

 

 

Le venerate spoglie mortali del venerabile Domenico Blasucci, dopo le ricognizioni canoniche eseguite il 24 luglio 1929 ed il 9 novembre 1996 nella casa religiosa di Materdomini di Caposele in provincia di Avellino, sono custodite nella navata sinistra dell’antica Basilica di san Gerardo Maiella a Materdomini di Caposele, a poca distanza da quelle del Santo ed in una nuova tomba monumentale accanto a quelle del venerabile Paolo Cafaro.

Il monumento funebre è stato inaugurato domenica 5 gennaio 2003, con una cerimonia religiosa semplice e suggestiva.

È composto da un paramento in granito nero fissato sul pavimento e sulla parete, largo 175 cm., alto 193 cm. e profondo 20 cm., sul quale è affissa una lapide in marmo di Carrara bianco in unico blocco a forma di pergamena, larga 125 cm., alta 105 cm. e profonda 15 cm.. All’interno della pergamena sono scolpiti, in bassorilievo, i busti del venerabile Domenico Blasucci e del venerabile Paolo Cafaro, al di sotto dei quali sono incisi i loro nomi con l’anno di nascita e di morte, evidenziati con il color oro. Tra i due Venerabili, al centro della pergamena e sempre in rilievo, sono scolpiti dei gigli, simbolo d’innocenza, purezza e castità, che prevalgono sui rami di spine del peccato avvolgendoli completamente (cfr. Ct 2,13).

L’opera scultorea è stata eseguita dall’artista Vincenzo Caputo di Villamaina, in provincia di Avellino, che ne ha fatto dono alla Comunità redentorista.

La scelta di tumulare i due Venerabili l’uno accanto all’altro e vicini alla tomba del Santo è scaturita dal fatto che il venerabile Domenico Blasucci con la sua preghiera al Signore ha risanato l’animo estremamente tormentato di san Gerardo Maiella, nella Comunità redentorista di Santa Maria della Consolazione a Deliceto, in provincia di Foggia, dove i due confratelli hanno trascorso insieme qualche mese; il venerabile Paolo Cafaro è stato il superiore sia del venerabile Domenico Blasucci che di san Gerardo Maiella, nella Comunità redentorista di Materdomini di Caposele, ed all’ipotesi di un trasferimento del giovane Blasucci verso un’altra Comunità s’oppose con fermezza affermando: “No, resti qui questa gioia di Paradiso!...”.

 

 

c dc d

 

 

 

Il pregevole dipinto ad olio su tela che raffigura il venerabile Domenico Blasucci è custodito da tempo immemorabile nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, ubicata in piazza Mons. Giuseppe M. Ciampa (Arciprete). Non si conosce il nome dell’artista che ha realizzato l’opera pittorica e nemmeno il periodo della sua esecuzione. Il quadro, da sempre esposto nella sagrestia, in seguito al sisma del 23 novembre 1980 è stato collocato, fino al 14 agosto 1997, nel salone al piano terra dei locali di Ministero Pastorale, in viale della Repubblica n. 76, adibito a luogo provvisorio di culto dei fedeli; è stato ricollocato su una delle pareti della sagrestia dell’antico edificio sacro al termine dei lavori di consolidamento strutturale e restauro e dall’1 novembre 2009, Solennità di tutti i Santi e Vigilia del pio transito e della nascita in cielo del venerabile Domenico Blasucci, è stato affisso sul primo pilastro all’ingresso dell’aula liturgica.

È un punto di riferimento costante per i tanti devoti del giovane Santo redentorista che, pervasi dall’amore filiale, quotidianamente sostano raccolti in preghiera davanti al dipinto per invocare la sua intercessione presso Dio e per offrire i doni votivi. L’orazione, unita a ricorrenti doni, è l’espressione eloquente e straordinaria tanto della continuità storica della fama di santità del venerabile Domenico Blasucci quanto della genuina ed autentica devozione che il popolo di Dio nutre verso di lui.

In quest’immagine fotografica realizzata domenica 7 luglio 2013, XIV domenica del tempo ordinario dell’Anno C, da Vito Santoro di Ruvo del Monte, è visibile, da sinistra a destra, fra Savino Larocca, cappuccino, don Gerardo Gugliotta, parroco di Ruvo del Monte, mons. Rocco Talucci, arcivescovo emerito dell’Arcidiocesi di Brindisi–Ostuni, e Michele Donato Grieco, operatore pastorale laico di Ruvo del Monte. Il gruppo è stato fotografato dopo aver ringraziato il Signore per il dono dello Spirito Santo attraverso la preghiera d’intercessione al venerabile Domenico Blasucci, al termine della concelebrazione Eucaristica presieduta da mons. Rocco Talucci, nel corso della quale è stato amministrato il Sacramento della Santa Cresima a sette ragazzi.

 

 

 

Mons. Gianfranco Todisco, amministratore apostolico e già vescovo della Diocesi di Melfi–Rapolla–Venosa, ritratto da Giuseppe Santomenna sabato 13 maggio 2017 in una foto ricordo con il Parroco ed i fedeli di Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, dopo aver pregato dinanzi al dipinto ad olio che raffigura il Venerabile. L’immagine fotografica è stata effettuata al termine della sua ultima Concelebrazione Eucaristica di commiato che ha presieduto, dopo aver compiuto la sua ultima visita alla Comunità Parrocchiale, in seguito alla rinuncia del governo pastorale della Diocesi e la ripresa del servizio missionario nell’Arcidiocesi di Tegucigalpa, in Honduras.

 

 

 

Don Gerardo Gugliotta, parroco di Ruvo del Monte in provincia di Potenza, ritratto da Giuseppe Santomenna martedì 23 maggio 2017 in una foto ricordo con i fedeli di Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, al termine della Solenne Celebrazione Eucaristica in occasione del 111° anniversario della proclamazione a Venerabile di Domenico Blasucci con Decreto del papa san Pio X. Tutti fanno da ulteriore cornice al quadro con il nuovo ritratto del Venerabile a matita su cartoncino, realizzato dall’artista Konrad Perathoner di Santa Cristina–Val Gardena, in provincia di Bolzano, l’anno precedente e precisamente il 23 maggio 2016. L’opera è stata donata al curatore di questo sito web e presentata ufficialmente nel corso della solenne funzione liturgica ai fedeli della comunità parrocchiale, che hanno ricevuto anche in dono, dallo stesso curatore del sito web, un pieghevole sul quale è stata riprodotta la medesima immagine e sul quale sono state riportate due preghiere per il Venerabile.

 

 

 

Monsignor Ciro Fanelli, vescovo della Diocesi di Melfi–Rapolla–Venosa, ritratto da Giuseppe Santomenna domenica 10 dicembre 2017 in una foto ricordo con il Parroco ed i fedeli di Ruvo del Monte, in provincia di Potenza, nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, dopo essersi raccolto devotamente in preghiera per qualche minuto dinanzi al dipinto ad olio che ritrae il Venerabile. L’immagine fotografica è stata realizzata al termine della sua prima Concelebrazione Eucaristica che ha presieduto, subito dopo la sua prima visita alla Comunità Parrocchiale.

 

 

c dc d

 

 

VENERABILE DOMENICO BLASUCCI (1732 – 1752)*

redentorista

 

Mi basta Dio solo;

quando ho Dio ho tutto.

Domenico Blasucci

 

Dio bastava al tuo cuore, alla tua anima,

Ogni altro bene, erba che secca e muore.

Memore del detto teresiano1, ti abbandonasti a Dio,

Ebbrezza, ecceità divina somma,

Nartece paradisiaco, Essere supremo.

In te, puer Christi, il seme Liguorino,

Con te, Gerardo2, fratello taumaturgo, estatico:

Oltre te stesso, Dio.

 

Benedetto il giorno in cui venisti al mondo,

Luminoso giglio di castità, puro fanciullo,

Anima alitante i monti ruvesi3,

Sequenza che sboccia in alleluja!

Unico, vieni, rallegra e santifica il cuore;

Col suono dell’aulo ti accoglieremo,

Con cetra e dolci linodie4,

Intonando un peana5 in tuo onore. Amen.

 

 

 

*       Acrostico dedicato a Michele Donato Grieco,

         instancabile, attento animatore del culto del Venerabile.

 

1          Solo Dio basta (Santa Teresa di Gesù).

2          San Gerardo Maiella.

3          Ruvo del Monte (PZ), paese natìo del Venerabile.

4          Canto di Lino, musico leggendario.

5          Canto corale o discorso di esaltazione.

 

In Eremo Paraclito

11 maggio 2022

Ore 9,00

 

Cristina di Lagopesole

 

 

c dc d

 

 

Al venerabile Domenico Blasucci

 

Hai percorso serenamente la strada verso l’Eterno,

candido fiore troppo presto reciso.

 

La mia mente vaga tra i tuoi scritti,

scruta la tua anima e scorge il tuo grande amore,

sublimato nel Signore.

 

Rifulgi adesso nella vita autentica,

angelico modello delle dilette virtù;

al cospetto dell’amata Vergine Maria,

tra i cori celesti degli Angeli e dei Santi,

con le mani protese verso Dio

invochi per noi la protezione, la grazia ed il perdono.

 

Ruvo del Monte, 24 settembre 2011.

 

Michele Donato Grieco

 

 

 

 

 

Copyright © 2011 Venerabile Domenico Blasucci ®. Tutti i diritti sono riservati.

Ferrieri web